Tariffe NCC: il calcolo è orario o chilometrico?

Home / Blog / Noleggio auto con conducente / Tariffe NCC: il calcolo è orario o chilometrico?

Tariffe NCC: il calcolo è orario o chilometrico?

Vuoi noleggiare un'auto con conducente a Bologna?


RICHIEDI INFORMAZIONI

Scegliere di usufruire dei servizi di NCC, ovvero noleggio con conducente, significa dimenticare definitivamente i problemi connessi al traffico, alla ricerca di un parcheggio, alle limitazioni delle ZTL. Una volta effettuata questa scelta, una domanda sorge spontanea: la tariffa è chilometrica o oraria? Fare chiarezza sembra un passaggio indispensabile realizzando quanto disposto dal Ministero dei Trasporti.

I vantaggi economici del noleggio con conducente

Il servizio di NCC permette a chi lo sceglie di spostarsi in città senza preoccuparsi di nulla. Come avere, in definitiva, un taxi privato a propria disposizione per tutto il tempo che si è concordato con l’agenzia a cui ci si è rivolti. La maggior convenienza rispetto al classico servizio taxi sta proprio nel non dover dare conto al tassametro, strumento tanto discusso che, nello stabilire l’importo dovuto al tassista per la corsa, tiene conto anche dei momenti in cui il taxi è fermo perché bloccato in mezzo al traffico. Con l’NCC questo non accade: il preventivo di spesa viene fatto ancor prima di iniziare e sin da subito si è a conoscenza dell’importo necessario senza alcuna sorpresa a fine corsa.

In merito alle tariffe NCC è importante sapere che il costo per il servizio può essere orario o chilometrico. Anche la durata entra a pieno titolo nello stabilire la tariffa del servizio di noleggio. È naturale che un noleggio richiesto a lungo termine avrà tariffe ancor più vantaggiose di quanto accade per i noleggi a breve o medio termine.

Sia tempi che chilometraggio, che saranno inclusi nel preventivo, in ogni caso, andranno concordati preventivamente con l’agenzia. A seconda dell’operatore cui ci si rivolge, infatti, si può approfittare del noleggio conducente a tariffa chilometrica per percorsi che superano le quattro ore.

Tariffa NCC: oraria o chilometrica

Durata del servizio e distanza chilometrica sono elementi importanti per stabilire le tariffe per il noleggio con conducente. È di fondamentale importanza ricordare che, al momento, la legge impone che il computo della tariffa oraria parta dalla rimessa e termini, allo stesso modo, nella rimessa. Proprio a questo proposito gli operatori del servizio hanno mostrato e continuano a mostrare la loro reticenza dal momento che il rientro obbligatorio in rimessa terminato il servizio si traduce nell’impossibilità di prendere in carico altri clienti e, quindi, in un guadagno perduto.

I criteri per determinare le tariffe minime e massime per il servizio NCC, comunque, sono fissati dal Ministero dei Trasporti. In particolare si fa riferimento alla Legge 18/1992 che regolamenta i servizi offerti dagli NCC, la relativa durata e costi, l’IVA, le modalità di prenotazione e disdetta. Alle tariffe vanno relazionati diversi tipi di voci di spesa tra cui i costi supplementari che possono includere, ad esempio, quelli relativi ad eventuali soste dell’autista per rimanere a disposizione del cliente (se previsti dal contratto), le maggiorazioni per festivi e notturni. I costi relativi all’IVA, infine, sono sempre compresi nel preventivo ed è pari al 10%.

Per il calcolo della tariffa di un servizio NCC ci si può affidare alla rete internet ed utilizzare l’apposito servizio messo a disposizione dai siti web delle varie agenzie di noleggio.

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Start typing and press Enter to search

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE